Sviluppo sostenibile e scuola

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Come può contribuire la scuola allo sviluppo sostenibile?

Giornata di discussione del 10 settembre 2003
Alpe di paz

La comunità scientifica e le autorità politiche attribuiscono alla scuola un ruolo essenziale nell'educazione allo sviluppo sostenibile. Come sottolineato nel capitolo 25 del piano di azione approvato a Rio de Janeiro "Gli studenti dovrebbero ricevere una formazione scolastica sull’ambiente e lo sviluppo sostenibile. I Governi dovrebbero consultare e far partecipare i giovani nelle decisioni che riguardano l’ambiente." Viene inoltre sottolineato come "La loro partecipazione attiva alla protezione dell’ambiente e il loro coinvolgimento nelle scelte su ambiente e sviluppo è decisivo per il successo a lungo termine dell’Agenda 21."

L’educazione alla sostenibilità deve permettere alle nuove generazioni di porsi delle domande sulla realtà che le circonda, mettendo in evidenza i legami complessi e reciproci tra ambiente, società, cultura, politica e economia. La propria esperienza di bambino, ragazzo o adulto assume in questa ottica una grande importanza, determinando una presa di coscienza dei problemi che condividiamo a livello globale e locale.

Per realizzare questo compito formativo la scuola dovrebbe promuovere percorsi formativi sui differenti aspetti dello sviluppo sostenibile, adottando un approccio pluridisciplinare. Dovrebbe inoltre avvalersi della collaborazione di enti pubblici e associazioni per mettere in pratica e diffondere iniziative concrete che illustrano il concetto. Non si tratta di una semplice trasmissione di nozioni ma di una nuova cultura che modifichi i comportamenti e identifichi l’ambiente come un bene da salvaguardare e le risorse come beni da usare con oculatezza.

La didattica è di riflesso attiva e diversificata, e propone una conoscenza empirica stimolata attraverso l’osservazione, la sperimentazione e l’esperienza diretta. Concretamente gli strumenti sono molteplici: lezioni con esperti ed insegnanti, lavori manuali, visite guidate agli impianti di smaltimento rifiuti, visite a discariche e a ditte o organizzazioni che utilizzano materiali riciclati.

Per quello che riguarda le iniziative volte a presentare e diffondere i risultati ottenuti, si rivela interessante sviluppare un discorso che oltrepassi la singola aula e implichi lintera sede. La realizzazione di mostre tematiche o la pubblicazione di materiali didattici permettono di condividere i risultati ottenuti con le altre classi. L'utilizzazione di supporti informatici e di siti internet delle scuole permetterebbe inoltre di allargare queste sinergie ad altri sedi scolastiche.

I progetti realizzati in Svizzera in questo ambito sono numerosi e hanno visto come protagonisti gli allievi di tutti i livelli scolastici. I temi trattati riguardano l'energia, il commercio internazionale, i rapporti con i paesi in via di sviluppo, l'alimentazione, la montagna, i rapporti sociali all'interno della scuola, l'Agenda 21 per la scuola, il bosco, il turismo, i coetanei nel mondo, i rifiuti. Gli istituti coinvolti hanno avuto l'occasione di sperimentare una metodologia audace e creativa che ha richiesto un grande impegno agli insegnanti coinvolti. Il risultato unanime alla fine dei lavori è positivo, fatto che dovrebbe incitare altri istituti ad intraprendere iniziative in questo senso.

Roland Hochstrasser
Settembre 2003
Associazione Comuni Regione Malcantone
6982 Agno

Aforisma


Osare: il progresso si ottiene solo così.
Oser: le progrès est à ce prix.

V. Hugo, Les misérables

Please publish modules in offcanvas position.